Empori Solidali

Market per famiglie in difficoltà

Nati per dare un sostegno temporaneo alle famiglie con minori residenti a Bologna segnalate dai Servizi Sociali Territoriali comunali.


Olio d’oliva, biscotti, legumi e scatolame, passata di pomodoro, pasta e omogeneizzati, sapone, dentifricio, spazzolino, detersivi. Sono solo alcuni dei beni di prima necessità (a lunga conservazione) che si trovano negli scaffali degli Empori Solidali di Case Zanardi, nati per dare un sostegno temporaneo alle famiglie con minori residenti a Bologna segnalate dai Servizi Sociali Territoriali comunali.

In una prima fase gli empori saranno aperti a 50 famiglie, titolari della Social Card o assegnatari di alloggi transitori e che hanno già un Piano di Assistenza Individuale (PAI). Ogni famiglia avrà a disposizione un credito mensile (sotto forma di punti) che potrà spendere scegliendo i prodotti di cui necessita a cadenza settimanale per una durata massima di un anno.

Per garantire l’approvvigionamento costante dei market, Case Zanardi fa appello alla solidarietà di tutta la città e lancia una campagna di crowdfunding civico: ogni cittadino potrà scegliere quanto donare per garantire l’acquisto dei prodotti destinati agli Empori e dare così un sostegno concreto alle famiglie in difficoltà della città.
Anche i magazzini dell'Emporio di Capo di Lucca aprono le porte a singoli e gruppi che potranno donare direttamente una spesa per Case Zanardi (qui la lista dei prodotti) recandosi in via Capo di Lucca 37, il martedì (ore 10-12), il giovedì (ore 15.30-17.30) e il sabato (ore 10-12).


Al momento sono due i market attivi: il primo, in via Capo di Lucca 37, è stato realizzato da VolaBO – Centro Servizi per il volontariato della provincia di Bologna, Legacoop Bologna e Forum Terzo Settore provinciale in collaborazione con l’Istituzione per l’inclusione sociale don Serra Zanetti. Tra gli empori che nasceranno nell’ambito del progetto Case Zanardi, quello di Capo di Lucca è il più grande per dimensioni (contiene anche un magazzino per lo stoccaggio della merce) e servirà la maggior parte dei quartieri della città: San Vitale, Navile, San Donato, Reno, Borgo Panigale, Saragozza e Porto.
Per maggiori informazioni sull'Emporio di via Capo di Lucca: emporiosocialebologna@gmail.com.

Il secondo market, di dimensioni più ridotte, è gestito da associazione Mondo Donna e cooperativa Open Group insieme ai promotori dell’emporio di Capo di Lucca; situato in via Abba 28, il centro si rivolge esclusivamente agli abitanti dei quartieri Savena e Santo Stefano e soddisferà il fabbisogno di 10 famiglie.

Gli empori solidali si sostengono con il lavoro di associazioni e cittadini volontari.




Materiali:

Download - Scheda sintesi Empori Solidali (pdf | 0.12 MB)


torna su